Procida e la processione del Venerdì Santo

Uno tra i riti più antichi e caratteristici della Campania, nasce nel ‘600 ad opera della Congrega dei Turchini.

Uno squillo di tromba e la risposta di tre colpi di tamburo. Comincia così, di primo mattino, la “Processione dei Misteri” del Venerdì Santo a Procida.

Smorfie e sorrisi, colori sgargianti e occhi che si illuminano: sono i mille volti della devozione, che Procida mette in scena attraverso la suggestione della processione.

Le fotografie scattate a colori sono della processione del 2018. Gli scatti in bianco e nero sono dell'anno precedente, il 2017.

Due esperienze molto diverse l'una dall'altra. Rinnoverò l'appuntamento per la prossima processione del Venerdì Santo, dove tornerò a scoprire Procida e le sue magnifiche tradizioni.

La prima volta

"Svegliarsi prima che il sole sorga per soddisfare voglie fotografiche non ha prezzo. Vedere i delfini che nuotano nel golfo mentre albeggia, significa dare inizio ad una giornata meravigliosa. E' impagabile ordinare al bar "lingua" e caffè alle 6 del mattino e poi unirsi a tutto il paese che è già in festa e che affolla le stradine dell'isola.

Spero di riuscire a trasmettere almeno un briciolo della bellezza delle nostre tradizioni."

Procida 2017