I sette peccati capitali

 

 

"La morale, quel presupposto fortemente spirituale che mette in rapporto le scelte e il criterio di giudizio nei confronti di due antitetici concetti come bene e male, condiziona quotidianamente i comportamenti di ogni essere umano."

Ne consegue con semplicità che qualsiasi cosa infranga questa moralità sia da considerarsi sbagliata, peccaminosa.

La religione sin da principio ci ha posto di fronte la questione, enumerandoci quelli che sono sette vizi capitali, o peccati. Un elenco di tutte le scelte che conducono alla distruzione dell'animo umano in contrapposizione con quelle che sono le virtù capaci invece di elevare lo spirito. Profonde inclinazioni morali e comportamentali radicate in ognuno di noi, che predominando e dominando lo spirito lo tentano inducendolo al peccato.

Se provassimo a slegarli da una visione puramente spirituale e incatenata a dogmi religiosi, considerandoli esclusivamente come una parte primordiale di noi stessi, da gestire nella misura in cui può essere proficua, arriveremmo a scorgere nell'insieme di tutti i vizi un equilibro dello spirito.

Il progetto fotografico di Marzia Bertelli, ispirato nella tematica dal libro Inno Selvaggio di Claudia Neri, dona corpo e forma alla nostra parte più primordiale e istintiva dove il controllo della ragione risulta perso. 

8 scatti caratterizzati da una sensibilità prettamente femminile, in cui luci e ombre, con un accento e tono elegante e misterioso, puntano l'obiettivo attraverso uno sguardo discreto sulle diverse sfaccettature del peccato.

Annachiara De Maio